Antonio Canal and Venice

 

di Alain Chivilò

© Alain Chivilò  – © CSN7NEWS.it

 

Canaletto & Venice

 

Dopo oltre vent’anni il Settecento della Serenissima viene esposto a Venezia lungo una mostra interdisciplinare che collega diverse forme espressive artistiche. Fino al 9 giugno, nella prestigiosa sede di Palazzo Ducale, Appartamento del Doge, l’arte tra fine 1600 e 1700 viene definita e allo stesso tempo rappresentata nella città lagunare. “Canaletto & Venezia” è il titolo che i curatori hanno pensato per un percorso nel quale il celebre vedutista e caposcuola Antonio Canal unisce nel suo nome, attraverso ventuno opere, altri importanti artisti che hanno definito culturalmente il XVIII secolo. A livello internazionale se il Vedutismo di Canaletto ha rappresentato la città del Doge attraverso dettagli e scorci, cristallizzando per sempre momenti di vita, l’attuale percorso espositivo esce dall’accattivante titolo permettendo un’attenta disamina grazie anche a prestiti provenienti da importanti musei mondiali. Il visitatore percepisce questo messaggio entrando nella prima sala che riassume in Gianbattista Tiepolo “Nettuno offre a Venezia I doni del mare”, in Francesco Guardi “Il Ridotto” e nel modello del Bucintoro l’opulenza della Serenissima Repubblica. Da qui fino all’ultima sala, artisti quali per esempio Luca Carlevarijs, Bernardo Bellotto, Francesco Guardi, Michele Marieschi, Rosalba Carriera, Giambattista e Giandomenico Tiepolo, Antonio Canova, Pietro e Alessandro Longhi, Giambattista Piazzetta, Sebastiano Ricci e Giambattista Piranesi dipingono tra sogno e realtà grazie ad approcci stilistici personali. Laddove il dettaglio tracci una Serenissima ricca di vita per un’epoca storica irripetibile, un mondo onirico unisce allegoria e mitologia. Una mostra dunque non di sola pittura, scultura e grafica ma anche di arti applicate cui sono riservate ampie rassegne, indicando come per più di tre quarti del secolo prima dell’avvento di Napoleone abbiano unito forme stilistiche spettacolari per una società che, da li a poco, avrebbe iniziato un cambiamento inarrestabile e repentino.

© CSN7NEWS.it

 

Canaletto Il bacino San Marco, 1738, olio su tela, Boston Museum of Fine Arts. Photo by Alain Chivilò

 

Giandomenico Tiepolo Il minuetto, 1754, olio su tela, Parigi, Musée du Louvre. Photo by Alain Chivilò